Vagine, grilletti, donne che godono e tabù da distruggere – SLUM

Uno dei ricordi più forti della mia infanzia è la sensazione di piacere che sentivo mentre mi strusciavo sul bracciolo del divano.
Ero molto piccola, forse 6/7 anni, in particolare ricordo proprio la volta in cui lo feci davanti a mia madre, ovviamente non avevo malizia, e di certo non capivo che quello che stavo facendo era masturbarmi; ero talmente innocente che lo dissi pure a mia madre, mentre mi strusciavo, “Mamma che bello”, perché ero proprio contenta di questo gioco che mi faceva stare così bene.
Ricordo anche che mia madre non disse nulla, oggi so che era molto imbarazzata, e probabilmente scioccata.
Il secondo ricordo che ho è delle medie, non ricordo l’anno, ma ricordo un compagno di classe che raccontava di come la mamma lo avesse beccato mentre si masturbava, e non avesse detto nulla, anzi, venne raccontato in famiglia, si fecero due risate, perché era normale, infatti disse proprio che tanto lo sanno che i ragazzi lo fanno. Ecco lui era molto consapevole e tranquillo, bello no?
Sì, solo che io, sua coetanea, invece, non avevo neanche ben capito come funzionasse questo atto, ma poi mi chiedevo come funzionasse per me; ma soprattutto, se mi avesse beccata mia madre, a quell’età non avrebbe fatto finta di nulla come qualche anno prima, e penso anche le madri delle mie compagne, perché per tutt* era naturale la masturbazione maschile e basta, la masturbazione femminile non era neanche argomento di discussione, penso che chiunque sia nat* con la vagina possa confermarlo, perché questo tabù è molto forte anche oggi, nonostante ci sia piu libertà e le donne siano più libere di fare sesso, però è sempre visto in funzione dell’uomo, perché è lui che deve godere, talmente è suo, che è l’unico che può farlo da solo, perché una donna dovrebbe toccarsi se non può dare piacere a un uomo?
E da qui anche il pensiero che due vagine insieme non facciano vero sesso.
Certo oltre alle motivazioni culturali c’è anche la differenza fisica, è diverso avere i genitali esterni da quelli interni, fin da piccoli si parla del pene come di un giocattolo, il pisellino si dice, il bambino gioca con il pisellino, si sa, si vede, è accettato, è maschio, tutto collegato.
Invece un genitale interno non si vede, quindi non esiste. Certo si dice anche la farfallina, ma è una parola che dice la mamma insieme alle altre donne, o al massimo col padre, é comunque riservata.
E così si arriva alla pubertà dove, i maschi si masturbano, è socialmente accettato, è naturale, ha il pene, poi vuoi mettere gli ormoni?
Certo tutto vero, peccato che anche le ragazzine hanno gli ormoni, hanno voglia di sesso, hanno voglia di toccarsi, invece quando si parla di sesso e ragazzine, si guarda solo quanto sono sviluppate e quanto possono essere appetibili per lo sguardo maschile.
Infatti chi ha figlie ragazzine pensa a che ragazzini attirerà, ci si preoccupa del fatto che possa fare sesso, “darla a qualcuno” perché è la ragazza che la da.
Invece per chi ha figli maschi è normale parlare del fatto che si masturbi, di trovare fazzoletti sporchi in giro o qualcuno ho sentito anche dentro le calze, ho sentito diversi racconti divertenti su ragazzi e le loro masturbazioni, ma di donne no, ma neanche da adulte, rischi anche reazioni molto aggressive se tiri fuori l’argomento; ovviamente ci sono le eccezioni eh, ma in generale basta anche solo vedere le battute e le barzellette che ci sono sulla masturbazione maschile, per capire che quella femminile viene cancellata; certo si può pensare che appunto è normale perché si vede, però penso anche che se i ragazzi lasciano le tracce in giro è perché sanno di poterlo fare, io ricordo di aver nascosto bene tante cose fatte che i miei non avrebbero approvato , torniamo sempre al discorso della tranquillità di fare le cose, della serenità che è tanto importante.
Tutto questo porta le ragazze a crescere con un senso di vergogna se si masturbano, i maschi no, i maschi si fanno tranquillamente le seghe, e anche qua, le terminologie sempre per il sesso maschile, la masturbazione femminile invece?
Non ne ha, già non si nomina, figuriamoci se ha un nome.
L’ unico che ho mai sentito è sgrillettare, ed ero anche bella adulta, lo disse un altra ragazza lesbica e mi piacque, anche se non la la capii subito, però carina, anche se le pistole non mi piacciono, però grilletto, sgrillettare ci sta, in seguito l’ ho sentito una volta da un altra ragazza ma poco altro.
Ogni tanto cerco di utilizzarlo, di sdoganarlo, perché lo trovo carino, anche se è limitato ad una pratica sola, e abbiamo anche la penetrazione vaginale o anale, o magari tutte assieme, servirebbe qualche altro termine, comunque direi che lo sgrillettamento è una parte presente in molte masturbazioni di vagina dotate, e poi almeno è un termine un po’ più allegro di masturbazione, e se vogliamo può diventare anche sexy.
Invece quando provo ad usarlo, o non capiscono,
o fanno finta di non capire, o ridono perché lo vedono come un termine trasgressivo, o lo considerano volgare e grezzo, e questo perché? Non è che sega sia un termine particolarmente bello o sexy, eppure viene usato comunemente in vari contesti, può diventare anche sexy e arrapante, viene usato nel sesso; non esistono parole volgari, siamo noi che diamo il senso alle parole, e il fatto che la parola sgrillettare non piaccia alle donne, in primis, mi fa pensare.
Esiste un tabù talmente interiorizzato che siamo noi stesse a censurarci, o sgrillettarsi è davvero una parola così brutta?
E allora cercatene altre, inventatene, ditelo, ma soprattutto fatelo.
Buona sgrillettata a tutt*!

More

illustrazioni di Polly Nor

4 risposte a "Vagine, grilletti, donne che godono e tabù da distruggere – SLUM"

Add yours

  1. A casa si mia zia dove vivevo, dopo essere stata cacciata,per la mia identità di genere femminile; potevo masturbarsi,così come le mie cugine,liberamente e senza tabù in casa dove volevamo. Lo trovava sa e naturale la ricerca della nostra sessualità. E ci fa Eva star bene.

    Mi piace

  2. Eh… restando nel campo degli attrezzi… se per il pene c’è la sega per la vagina ci sarà la pialla!
    “Amore mi sto piallando mmmm”, eh? Dai è carina 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: