Dalla rivolta alla guerra civile. Le proteste per l’omicidio di George Floyd sono oggi scontro diretto con la polizia – SLUM

Abbiamo parlato delle cause delle proteste (qui), e ci sono stati degli sviluppi importanti. Francesco Morana ci propone un altro articolo di approfondimento.


Nella notte tra il 29 e il 30 Maggio, la città di Minneapolis si è ritrovata a fare i conti con il quarto giorno di rivolta, dato che i manifestanti non si sono fatti intimorire dal coprifuoco.

In molte altre città i manifestanti sono scesi in strada, e in alcuni casi si sono verificati episodi da guerra civile come era successo negli scorsi anni.

Nel 2017 una manifestazione dell’estrema destra svoltasi a Charlottesville, la “Unite the right Rally”, aveva subìto l’opposizione da parte di gruppi della sinistra. In quell’occasione, Heather Heyer, una compagna che stava partecipando alla contromanifestazione, perse la vita, investita da un auto che si lanciò sulla folla. La Heyer fu l’unica vittima civile di quella giornata.

Episodi del genere si stanno ripetendo in queste ore:
Il gruppo di sinistra Colorado Springs Anti-Fascists, ha riportato che una donna, Jennifer Watson, ha tentato di investire alcuni manifestanti che stavano protestando a Denver, Colorado.[1]
La manifestazione è una delle tante lanciate in supporto dei cittadini di Minneapolis che in queste ore stanno affrontando il coprifuoco (che durerà fino alle sei del mattino di Domenica, le 13:00 in Italia).

Anche a Bakersfield si è verificato un episodio simile[2][3], così come Tallahassee, Florida[4].

Un caso segnalato riguarda quello di un uomo bianco che armato di arco e frecce ha cominciato ad attaccare i manifestanti[5]

A Washington, una piccola folla si è radunata davanti agli ingressi della Casa Bianca[6].
Come si vede dai video [7], i manifestanti hanno tentato di rimuovere delle transenne di fronte agli ingressi della Casa Bianca: questo ha portato all’intervento fisico, piuttosto concitato, della polizia e dei servizi segreti.
Dalla CNN, si apprende che la Casa Bianca è stata isolata a causa dell’arrivo di altri manifestanti [in originale, The White House has been locked down as protesters arrive at Pennsylvania Avenue/Lafayette Park] [8], ma i manifestanti sono comunque riusciti a farsi strada[9], per ritrovarsi quale unica barriera che li separasse dall’edificio la presenza fisica dei servizi segreti in assetto antisommossa [10]. I due gruppi sono arrivati infine allo scontro fisico [11]

A Philadelphia, i manifestanti hanno tirato giù una statua di Frank Rizzo, capo della polizia negli anni 60-70 e poi sindaco nei 70-80. Rizzo era in carica nel 1985, nel momento del poco famoso episodio del MOVE Bombing. Un intero quartiere venne letteralmente bombardato, sessanta case saltarono in aria, 11 persone morirono tra cui 5 bambini. L’obiettivo era la distruzione dell’organizzazione nera ed antispecista MOVE (nei commenti un articolo al riguardo[12])

Ad Atlanta, i manifestanti hanno dato fuoco ad un veicolo della polizia e bloccato una delle arterie principali[13][14]. Così come successo a Minneapolis, anche qui la manifestazione di protesta si è rapidamente trasformata in un riot cittadino [15].
Una scena che al primo impatto è altamente surreale, ma che poi mostra la sua cruda drammaticità, è quella che vede schierati in assetto antisommossa quelli che hanno tutta l’aria di essere dei ragazzini neanche adolescenti.[16]

A New York, così come successo a Minneapolis, la polizia ha tentato di utilizzare degli autobus per trasportare i manifestanti arrestati in prigione, ma hanno trovato la resistenza degli autisti che, forti anche dell’appoggio del resto dei manifestanti, si sono rifiutati di guidare[17].
La tensione per le strade è palpabile, e fa emergere il vero lato della polizia statunitense.
Un poliziotto, senza remore, sbatte per terra una manifestante chiamandola “stupid fucking bitch”[18].
A Brooklyn, i manifestanti sono stati violentemente manganellati ed arrestati, come emerge dai video che girano sui social [19], almeno un veicolo della polizia è stato dato alle fiamme[20] ed altri sono stati danneggiati.

A Louisville, si vede la polizia sparare proiettili di gomma su una troupe televisiva [21] [22]. Era già accaduto che un giornalista della CNN, Omar Jimenez, afroamericano, e la sua troupe venissero arrestati in diretta pochi giorni prima.[23]

per il video qui sotto: TRIGGER WARNING: SCENE VIOLENTE

Oltre a Minneapolis, il coprifuoco è stato imposto in altre città: Denver [24], Louisville [25], Portland [26] tra quelle di cui si trova conferma ufficiale. È molto probabile che la lista verrà ampliata con il passare del tempo. Nel frattempo, la Guardia Nazionale è stata chiamata in almeno altri casi [27], mentre la Polizia Militare è stata messa in stato di allerta e potrebbe essere usata nelle prossime ore.[28]

Ne stanno accadendo davvero troppe perché riesca a seguire e riportare tutto.
In generale, le città interessate da manifestazioni stanno vivendo uno stato di guerra civile, con forze di polizia schierate su larga scala nelle strade[29], e con polizia e manifestanti che si stanno combattendo con tutti i mezzi possibili che hanno a disposizione, persino i più impensabili.

Se a Brooklyn si vede una macchina della polizia in transito ed il poliziotto all’interno aprire la portiera per far cadere un manifestante a terra[30], a Los Angeles i manifestanti attaccano fisicamente la polizia per impedire gli arresti[31].
Se la polizia distrugge gli alimenti primari per impedire ai manifestanti di rifornirsi[32], i manifestanti disarmano la polizia e si impossessano delle radio e dei giubbotti antiproiettile [33]

In queste ore, i manifestanti a Minneapolis sono riusciti a tenere testa in maniera efficace alla polizia, non solo per la mera sproporzione numerica, ma anche per questione di intelligence: le comunicazioni radio della polizia vengono regolarmente intercettate e diffuse tramite canali dedicati. Dalle comunicazioni radio, emerge una certa spossatezza della polizia, giunta a fronteggiare la quarta notte di protesta. Tanto che sembra che ad un certo punto l’amministrazione cittadina e le forze di polizia abbiano lasciato la città[34]

I protettori dello status quo trovano degli alleati nei sindacati corporativi.
Gli scioperi degli autisti di autobus iniziati il giorno precedente vengono attaccati da Teamsters. Dal canale telegram The BLM revolution of 2020 (ex BLM Protests 2020) si legge questo messaggio:

We have confirmed reports that Teamsters is breaking a strike by the Transit Union. The Transit Union in Minneapolis refused to drive busses that police were going to use as paddy wagons. Teamsters has allowed their workers to drive busses for the cops instead. Despicable! Workers, you have all the power! Don’t drive those busses!

La situazione è in continuo sviluppo e sicuramente è difficile arrivare ad un punto della situazione. Il canale telegram The BLM revolution of 2020 ha però riportato almeno due casi in cui la polizia sia è schierata dalla parte dei manifestanti. Se episodi del genere dovessero estendersi le cose potrebbero prendere una piega imprevista: non si vedono spesso tutori dell’ordine abdicare e schierarsi dall’altra parte della barricata, e quando ciò avviene è segno che qualcosa di grosso sta accadendo.

Nel frattempo, un video recentemente leakato sembrerebbe mostrare il pestaggio di George Floyd da parte dei poliziotti prima della sua morte[35], mentre durante gli scontri delle notti scorse, a Detroit, una ventunenne è morta durante le proteste.[36]

Immagini e notizie del genere gli statunitensi le vedranno ancora nei prossimi giorni (altri casi stanno già accadendo mentre scrivo) e non faranno altro che gettare ulteriore benzina sul fuoco.

In alcune città le proteste rimangono ancora pacifiche, per ora, ma la società statunitense rimane una polveriera sociale pronta ad esplodere. Che si sia finalmente accesa la miccia?


[1] https://cospringsantifa.noblogs.org/post/2020/05/29/owner-of-jp-watson-interiors-drives-car-through-protesters-in-denver/
[2] https://twitter.com/i/status/1266557990888509440 l’account da cui proveniva il video è stato sospeso, e lo stesso video è stato rimosso da youtube. Tuttavia se ne trova traccia qui https://www.theblaze.com/news/terrifying-footage-shows-car-plowing-through-protest-crowds-in-bakersfield-california
[3] https://twitter.com/lexinicole3401/status/1266573029397553152?s=21
[4] https://twitter.com/Breaking911/status/1266833693513039873?s=19
[5] https://twitter.com/gingersonfire/status/1266884385854255104?s=21
[6] https://twitter.com/Acosta/status/1266511342908907520
[7] https://twitter.com/aletweetsnews/status/1266515834333204481?s=20
[8] https://twitter.com/cnnbrk/status/1266517564932468737?s=20
[9] https://twitter.com/riotupdatez/status/1266570438181863424
[10] https://twitter.com/Terrence_STR/status/1266603167401336833
[11] https://twitter.com/Breaking911/status/1266846176407629824
[12] For those unaware, Frank Rizzo was the police chief when the police in 1985 bombed a street against a black liberation group. (fonte canale telegram BLM revolution of 2020) Qui la storia del MOVE Bombing https://www.theguardian.com/us-news/2020/may/10/move-1985-bombing-reconciliation-philadelphia
[13] https://www.tmz.com/2020/05/29/george-floyd-protest-white-house-lockdown-police-car-fire-atlanta/
[14] https://twitter.com/hollandcourtney/status/1266526438158561281?s=21
[15] https://twitter.com/vitalistint/status/1266561587873230856?s=21
[16] https://twitter.com/foxwoundband/status/1266613385862447104
[17] https://twitter.com/berniebromanny/status/1266528183454699521?s=21
[18] https://twitter.com/JasonLemon/status/1266529475757510656
[19] https://twitter.com/j0ncampbell/status/1266514356071735296
[20] https://twitter.com/JamesAGagliano/status/1266547580663709696
[21] https://thehill.com/homenews/news/500239-louisville-police-shoot-reporter-cameraman-with-pepper-balls-in-middle-of-live
[22] https://twitter.com/bubbaprog/status/1266552262563954695
[23] https://www.youtube.com/watch?v=ftLzQefpBvM
[24] https://www.denverpost.com/2020/05/30/george-floyd-protests-denver-curfew-national-guard/
[25] https://twitter.com/riotupdatez/status/1266824142919262208?s=19
[26] https://twitter.com/tedwheeler/status/1266682770010460160?s=21
[27] https://www.nbcnews.com/news/us-news/protesters-white-house-push-through-barricade-n1219691
[28] https://www.npr.org/2020/05/30/866143127/military-police-ordered-to-prepare-to-deploy-to-minnesota?t=1590892713031
[29] https://twitter.com/bengarvin/status/1266588567532380160?s=19
[30] https://twitter.com/nickatnews/status/1266537738364477446?s=21
[31] https://twitter.com/Dakarai_Turner/status/1266549838788902914?s=20
[32] https://twitter.com/nataliealund/status/1266877181164089349
[33] https://twitter.com/ot_enthusiast/status/1266858045507846152?s=21
[34] https://twitter.com/MisterAntiBully/status/1266580679116144640?s=19
[35] https://www.facebook.com/shaunking/videos/669711697212453
[36] https://www.cbsnews.com/news/21-year-old-shot-and-killed-during-detroit-protests/

Una risposta a "Dalla rivolta alla guerra civile. Le proteste per l’omicidio di George Floyd sono oggi scontro diretto con la polizia – SLUM"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: