La repressione continua, da Trump a Zoom, e l* compagn* si riorganizzano – SLUM

Ancora, i provvedimenti repressivi della politica di Donald Trump e della polizia imperano contro i/le/* manifestanti e i/le/* compagn* antifascist*, si pensa in fase di riorganizzazione indipendente verso la comune; intanto, Amazon e Zoom mettono i bastoni tra le ruote delle persone in lotta. Un articolo di Francesco Morana.


Donald Trump e gli Antifa: una nuova ondata di Red Scare

Durante il weekend di proteste (30-31 maggio) in cui era stato imposto il coprifuoco, il Dipartimento della Giustizia statunitenste (DOJ, Department of Justice) ha affermato, su impulso del Presidente Donald Trump, che avrebbe iniziato l’identificazione e l’arresto di leader e gruppi ANTIFA[1] [2].

In particolare, questi ultimi sono accusati di “terrorismo interno” (domestic terrorism).

All’indomani dell’attacco alle Torri Gemelle, l’amministrazione Bush mise in campo il Patriot Act[3], il testo giuridico securitario che ha definito un punto di non ritorno per la vita sociale e politica statunitense, e che non di rado è stato usato per la repressione di gruppi politici statunitensi non allineati alle istituzioni. A questo atto giuridico va aggiunto il Domestic Security Enhancement Act del 2003, denominato anche Patriot Act II.

All’interno del Patriot act, la definizione di domestic terrorism presentata è la seguente:

Acts of domestic terrorism are those which: (A) involve acts dangerous to human life that are a violation of the criminal laws of the United States or of any State; (B) appear to be intended – (i) to intimidate or coerce a civilian population; (ii) to influence the policy of a government by intimidation or coercion; or (iii) to affect the conduct of a government by mass destruction, assassination, or kidnapping; and (C) occur primarily within the territorial jurisdiction of the United States.[4]

Tuttavia, non esiste alcune organizzazione formale che possa essere definita ANTIFA, ma ci sono una serie di gruppi che si richiamano all’antifascismo.
Sarebbe come, per fare una comparazione con l’Italia, se si decidesse di arrestare tutti i membri ed appartenenti a gruppi di sinistra anti-fascisti riunendoli sotto l’etichetta di “antifascisti”.

A questo bisogna aggiungere inoltre che i manifestanti arrestati si sono sentiti rivolgere domande sulle loro simpatie politiche nel corso degli interrogatori, a cui hanno partecipato anche agenti del FBI [5]. In particolare, ai manifestanti sono state fatte domande proprio sulle loro affiliazioni anti-fasciste. Inoltre, pare sia stata messa in campo anche la DEA (Drug Enforcement Administration) per condurre operazioni di sorveglianza sotto copertura [6]. Formalmente, la DEA non sarebbe legittimata ad operazioni di questo tipo, dato che il suo compito è relativo alle indagini sul traffico e distribuzione di droga.

La strategia statale sembra essere abbastanza chiara: si dichiara che le proteste più violente sono state provocate da gruppi agitatori esterni, si cercano individui che possano rientrare all’interno di questo gruppo creato artificiosamente e li si addita come capri espiatori delle proteste.

Il controllo spasmodico verso i/le/* manifestanti è simile a quella che subirono gli/le/* appartenenti all’IWW e gli anarchici e le anarchiche durante gli anni ’20, come ad esempio gli anarchici Andrea Salsedo, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, e poi gli appartenenti ad organizzazioni pacifiste, di sinistra e/o comuniste all’indomani del secondo conflitto mondiale, con quello che venne definito maccartismo.
Insomma, una nuova ondata di Red Scare (Paura rossa) che esce fuori nel paese più libero e democratico del mondo. La polizia sta diventando sempre più polizia politica.

Una vignetta ormai diventata virale:

Insurrection Act, strategia di de-escalation e forze di polizia non identificate.

Dopo più di una settimana di proteste, sembra che la strategia della militarizzazione completa si stia ritorcendo contro gli apparati statali e politici americani, che stanno ora optando per delle ipotesi di de-escalation. Inizialmente, era stato proposto di mettere i militari per le strade[7]Al 5 giugno, viene riportato che la Guardia Nazionale lascerà presto Washington DC e che in generale verrà ritirata da 10 stati federali[8] [9].

Sempre a Washington DC, è stata segnalata la presenza di forze di polizia senza alcun tipo di numero che permettesse il loro riconoscimento[10] e che alle richieste di giornalisti e manifestanti si sono rifiutati di identificarsi [11]. Alcuni sostengono siano membri di gruppi antisommossa utilizzati nelle carceri. Online circolano alcuni video che li ritraggono [12].

Polarizzazione della società: Amazon e Zoom

I nodi stanno presto venendo al pettine, e la politica statunitense degli ultimi giorni si è concentrata su un nuovo focus: quello della polizia. I fatti dimostrano che c’è sempre meno spazio per una posizione centrista, e che la retorica del “not all cops” si sta sgretolando di fronte all’evidenza del comportamento dei tutori dell’ordine.

In questa situazione, una polarizzazione sociale è inevitabile, e non sta tardando a mostrarsi.

Nonostante la sua retorica umanitaria e black-friendly, Amazon è fortemente legata alla polizia, che non manca di rifornire di denaro ogni volta che ne ha l’occasione [13]. È chiaro che l’azienda di Jeff Bezos sa da che parte della barricata si trova nella vita sociale statunitense e mondiale.

D’altronde, Amazon è stata più di una volta accusata di forti pressioni informali sui dipendenti per evitare la loro sindacalizzazione [14], di condizioni di lavoro inumane [15], e di aver arruolato dei neonazisti tra le fila dei suoi sorveglianti nei magazzini [16].

Nel corso della scorsa settimana, diversi magazzini Amazon hanno preso fuoco [17]. Le dichiarazioni dei responsabili dei magazzini dicono che non sono incidenti legati alle proteste, ma non sarebbe sorprendente il contrario.

Nel frattempo, la piattaforma di videocalling Zoom ha annunciato che non renderà criptate le comunicazioni tra i suoi partecipanti, dichiarando che questa azione è fatta per supportare la polizia nell’identificazione dei manifestanti [18].

Strategia dei manifestanti ed emersione delle zone autonome. Verso la Comune?

A livello pratico, i manifestanti stanno prendendo a prestito le tattiche urbane sviluppate in altre parti del mondo, Hong Kong in primis. Questo riguarda l’abbigliamento da usare per poter scendere in strada, la costruzione di barricate, come rispondere ad eventuali attacchi ed ai lacrimogeni, come riuscire a sfuggire alla sorveglianza telematica.[19]

Questo sodalizio è dato anche dai contatti virtuali tra alcune frange più politicizzate di statunitensi e di hongkongers, ed ha trovato la sua espressione anche in alcune pic che vedono schierate assieme una pantera nera (comunità afroamericana) ed una tigre (hongkongers).

I manifestanti continuano a trovare il supporto di altre fasce di popolazione: si segnala un servizio di aiuto legale per chiunque venga incarcerato su tutto il territorio statale[20] ed altre iniziative di supporto materiale diffuso per le strade come cibo ed acqua liberamente accessibile[21][22], sebbene fonti non confermate riferiscono che siano state lasciate in giro anche bottiglie d’acqua con un qualche agente chimico all’interno.

Inoltre, le esperienze di mutuo aiuto tra i manifestanti si fanno più diffuse, e sono emerse delle zone autonome interne alle città negli scorsi giorni.
A Minneapolis diverse associazioni e volontari si organizzano per far trovare cibo a tutti ogni giorno mentre i negozi rimangono chiusi[23], ed in generale si nota un’implementazione di sistemi di community care al posto dell’approccio prettamente securitario e criminalizzante ai problemi sociali.

A Seattle, è stata istituita la zona autonoma di Capitol Hill[24], una piccola zona che attualmente conta sei isolati autogestiti dai manifestanti, dopo che la polizia si è ritirata da parte della città. Se la situazione dovesse continuare potremmo anche assistere alla nascita di una nuova Comune all’interno dello scenario americano.

Non si tratta di una situazione completamente inedita, visto che già in passato c’erano stati esempi di organizzazione sul territorio di tal tipo, come la Comune di Oakland nata sull’onda del movimento Occupy [25].

Nella foto, a Seattle sui muri di un dipartimento di polizia vi è stato scritto “BLM”, “ACAB”, “COP FREE ZONE”, ed è stato modificato il nome del dipartimento da “Seattle police department east precinct” a “Seattle people deparment east precinct”.

[1] https://twitter.com/BreakingNAle…/status/1267177983372152832
[2] https://www.axios.com/antifa-protests-trump-8f7519c2-fcc2-4…
[3] Consultabile qui https://www.congress.gov/…/107th-congr…/house-bill/3162/text
[4] https://en.wikipedia.org/…/Domestic_terrorism_in_the_United…
[5] https://theintercept.com/…/fbi-nypd-political-spying-antif…/
[6] https://www.buzzfeednews.com/…/george-floyd-police-brutalit…
[7] https://www.nbcnews.com/…/trump-considering-move-invoke-ins…
[8] https://twitter.com/SenMikeLee/status/1268756501516050432…
[9] https://www.washingtonpost.com/…/324da91a-a733-11ea-8681-7d…
[10] https://www.defenseone.com/…/who-are-they-unmarked-…/165892/
[11] https://www.commondreams.org/…/american-secret-police-trump…
[12] https://twitter.com/FordFischer/status/1269295500106366978
[13] https://truthout.org/…/amazon-says-black-lives-matter-but-…/
[14] https://gizmodo.com/amazons-aggressive-anti-union-tactics-r…
[15] https://nypost.com/…/inside-the-hellish-workday-of-an-amaz…/
[16] https://www.independent.co.uk/…/amazon-used-neo-nazi-guards…
[17] https://abcnews.go.com/…/fire-destroys-southern-california-…
[18] https://eu.usatoday.com/…/zoom-no-end-end-encry…/3134154001/
[19] https://www.vice.com/…/traffic-cones-leaf-blowers-and-other…
[20] https://www.instagram.com/p/CA75FelpZkJ/…
[21] https://twitter.com/spekulation/status/1268369649252483072…
[22] https://twitter.com/FordFischer/status/1269295500106366978…
[23] https://truthout.org/…/uprisings-are-driving-a-surge-in-m…/…
[24] https://enoughisenough14.org/…/seattle-the-birth-of-the-ca…/
[25] https://it.crimethinc.com/…/after-the-crest-part-ii-the-ris…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: