Un appello e un documento femminista da sirian*, e curd* e alleat* per la Siria e il Kurdistan – SLUM

Car* compagn*, vedo susseguirsi un numero infinito di appelli in solidarietà con il popolo curdo ed il Rojava, appelli spesso parziali e che sembrano concentrarsi solo su una parte della Siria e sul ruolo che le YPG/YPJ/SDF hanno avuto nella lotta contro ISIS, come se la loro autodeterminazione non fosse un diritto ma un premio o un debito che l’occidente dovrebbe pagare.

Tralasciando il ruolo di altri attori nella lotta contro ISIS o le violazioni di cui si sono macchiate le YPG\YPJ (non ci sono attori di questo conflitto senza macchia), io voglio ringraziarvi tutt*, perchè la mobilitazione della società civile e di molte istituzioni, spazi sociali e personaggi pubblici è sacro santa ed avrei voluto vederla a sostegno di tutti i e le civili sirian* ed i movimenti per la democrazia, l’autodeterminazione, la dignità e la giustizia sociale che in questi anni sono stati schiacciati dal regime siriano, dai suoi alleati internazionali (Russia, Iran, Hizbullah, milizie filo-iraniane etc…), dalle organizzazioni terroristiche come ISIS ed Al Qaeda e da altri paesi che si presentavano come amici (Turchia, Arabia Saudita, Qatar…).

Vi chiedo però uno sforzo di analisi in più, di comprensione, perchè dopo oltre 8 anni dall’inizio della rivoluzione e quasi 8 anni di guerre civili e per procura abbiamo avuto tutt* il tempo per capire. Perchè nonostante le buone intenzioni, di cui non dubito, l’impressione è quella di una solidarietà selettiva ed a fasi alterne (ad esempio, silenzio sui bombardamenti della Ghouta o di Idleb, mobilitazione totale per l’invasione di Afrin o per quella di questi giorni. Silenzio sui saccheggi delle forze di regime nelle aree riconquistate, oltraggio massimo per i saccheggi delle milizie alleate di Ankara a danno della gente di Afrin…). Questo non rende giustizia al vostro desiderio di essere solidali e rischia di contribuire ad approfondire il già quasi incolmabile solco che si è creato tra la componente curda della popolazione siriana, oggi costretta a cedere all’alleanza con Assad ed i russi, ed il resto della popolazione che similmente in questi anni è stata costretta ad accettare di allearsi con forze e paesi tutt’altro che cristallini nel sostenerne i diritti.

Mi permetto di suggerire un appello, sottoscritto da sirian* e non solo, che ha il merito di esprimere chiaramente la solidarietà per la popolazione civile oggi esposta all’invasione turca e di contestualizzare questo nuovo capitolo del conflitto nella situazione siriana senza trascurare i vari attori e le altre vittime:
https://www.allianceofmesocialists.org/no-to-the-invasion-and-occupation-of-northeastern-syria-by-the-turkish-army/

Ai movimenti femministi poi segnalerei in particolare questo documento del movimento politico femminista siriano che parla di ricostruzione, all’ombra di un reale cambiamento politico nel Paese e con un ottica di genere.
http://syrianwomenpm.org/en/articles/70-a-comprehensive-feminist-plan-for-reconstruction-in-syria-with-the-condition-of-political-transition

Grazie

Fouad Roueiha

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: